Tanto lavoro

Durante le sere di prove e lezioni o durante i momenti di ritrovo in generale si parle sempre di come trovare nuove vie o metodi per avanzare. Dai campanari più appassionati e badate bene non sono sempre e per forza i più bravi … nascono tante idee. Gli impegni della vita quotidiana danno tanto da fare ed i tempi dedicati alla nostra passione sono frammentati, quelli per mettere in pratica le idee poi diventano biblici ma si sta lavorando. Intanto quasi ogni sera c’è una squadra in giro a provare.
Se sentite suonare e vedete i finestroni della cella campanaria aperti o la luce accesa salite a conoscere i campanari, siete automaticamente invitati.

Bisogna essere costruttivi non distruttivi

Si sta lavorando per dare una svolta alla linea leggermente in declino della campaneria emiliano romagnola. Lo si sta facendo cercando di sviluppare idee partorite da campanari di ogni associazione. Si potrebbe proporre un piccolo passo da fare intanto: potremmo rivalorizzare Arcambo (piattaforma whatsapp che se usata a modo è un ottimo strumento) definendo più numerose e ferree regole valide per tutti.

Biciclata dei Ferraresi

Ritorna anche quest’anno l’ormai tradizionale appuntamento primaverile con la biciclata organizzata dall’associazione Campanari Ferraresi lungo le vie dei più suggestivi campanili delle nostre terre.

Sabato 23 maggio si svolgerà infatti la sesta edizione dell’evento, con un percorso del tutto inedito, e sarà come sempre un’occasione gustosa per tutti gli appassionati dell’arte campanaria e delle gite all’aria aperta sui pedali.
Partenza alle ore 8.30 dal campanile della Basilica di S. Giorgio fuori le Mura, dopo alcuni “doppi” di saluto ed una breve visita in cella. La carovana punterà quest’anno decisamente verso la provincia di Bologna, in direzione sud, essendo la destinazione finale Castel S. Pietro Terme.
Le tappe intermedie toccheranno torri che rappresentano veri capisaldi della storia della campaneria bolognese: S. Pietro Capofiume (dove è prevista la prima sosta), S.Martino in Argine, Selva Malvezzi, Medicina, Poggio Piccolo. A metà percorso, attorno alle ore 13.00, pranzo al sacco, e occasione per assaporare prodotti tipici della cucina tradizionale ferrarese ed emiliana.
L’arrivo a Castel S.Pietro è previsto per le 17.00. Per il ritorno a Ferrara i partecipanti potranno contare sulla linea ferroviaria (due i treni a disposizione, entrambi con cambio a Bologna: il primo alle 18.30, con arrivo a Ferrara alle 19.50; il secondo alle 19.05, con arrivo alle 20.16) e su di un pulmino d’appoggio per il trasporto delle biciclette.
La partecipazione all’escursione è completamente gratuita, salvo il costo del biglietto ferroviario. Tutti gli interessati potranno prenotarsi entro mercoledì 20 maggio inviando una mail all’indirizzo campanari_ferraresi@yahoo.it, telefonando al numero 348 3032930 o tramite la pagina Facebook dei Campanari ferraresi.

Di poco fa …

….un’altra notizia di un nostro collega campanaro al quale diamo l’ultimo saluto: Magnavacca Clemente campanaro di Casteldebole. Insieme a lui quest’anno gia Erio, Gabusi Giancarlo e Negrini Roberto si sono portati con loro un po della nostra storia campanaria. Grazie a loro per la vita intera passata a tirare le corde insieme a noi.